Come contrastare l’infiammazione cronica e proteggersi dalle malattie

4
come contrastare l'infiammazione cronica

Di solito l’infiammazione svolge un ruolo importante all’interno del nostro organismo. Le infiammazioni non devono essere viste sempre in maniera totalmente negativa, perché hanno anche il compito fondamentale di aiutarci a combattere eventuali infezioni. L’infiammazione può essere vista come una sorta di reazione da parte del corpo, che cerca in questo modo di difendersi dagli agenti nocivi. Tuttavia il discorso diventa differente, quando l’infiammazione diviene cronica, esponendoci al rischio di sviluppare differenti malattie: problemi cardiovascolari, colesterolo, diabete, abbassamento delle difese immunitarie e, come hanno dimostrato vari studi scientifici sull’argomento, anche tumori. Scopriamo cosa fare per contrastare l’infiammazione cronica e proteggere il nostro corpo dalle conseguenze che essa può portare.

Evitare gli zuccheri

Gli eccessi di zuccheri sono molto dannosi per il nostro corpo. Non solo espongono l’organismo a sovrappeso ed obesità, ma agiscono nell’aumentare i livelli di infiammazione. Per questo bisognerebbe stare molto attenti nell’alimentazione quotidiana, riducendo zuccheri, dolci, prodotti a forno e cibi realizzati a base di farine raffinate.

Mangiare più fibre

Frutta e verdura sono degli indispensabili alleati del nostro benessere. Entrambe contengono elevate quantità di fibre, che, non solo regolano il transito intestinale, prevenendo la stitichezza, ma svolgono anche un ruolo di primo piano nel diminuire i livelli di infiammazione. Ecco perché dovremmo sempre introdurne una grande quantità, considerate tutte le loro proprietà benefiche.

Evitare i grassi saturi

Molti prodotti, specialmente quelli già pronti, a cui spesso ricorriamo per mancanza di tempo da dedicare alla cucina, possono essere ricchi di grassi che fanno male all’organismo, stimolando reazioni di carattere infiammatorio. Attenzione in particolare ai grassi saturi contenuti nella carne rossa e nei latticini. Proprio essi sono molte volte i principali responsabili dei livelli alti di colesterolo cattivo nel sangue. Ottini sono, invece, i grassi omega 3, dall’azione antiossidante, che troviamo soprattutto nel pesce come salmone e tonno, olio extravergine d’oliva, olio di semi di lino e noci.

Fare attività fisica

Una regolare attività fisica è molto importante per contrastare le infiammazioni e per farci restare carichi durante il resto della giornata. Non dimentichiamo che l’esercizio fisico è capace di stimolare il rilascio di endorfine, che rinsaldano il nostro equilibrio psicofisico e tolgono ogni motivo di stress.

Ridurre lo stress

Anche lo stress può contribuire in maniera significativa ad aumentare l’infiammazione cronica. Non dimentichiamo mai che il legame mente – corpo spiega a volte periodi di malessere anche fisico derivante da una somatizzazione delle tensioni. Liberiamoci, quindi, dallo stress della vita quotidiana, imparando ad ascoltare di più le esigenze imposte dai nostri ritmi naturali.