Come dimagrire senza dieta: lo spiega il dottor Franco Berrino

9
come dimagrire senza dieta

Ecco come dimagrire senza dieta. Te lo sei sempre chiesto, ma sicuramente non hai trovato delle risposte che ti abbiano potuto soddisfare. Adesso la scienza arriva a confermare questa possibilità, che diventa reale. Lo spiega il dottor Franco Berrino, oncologo che da anni si occupa di alimentazione e di mettere in evidenza come le abitudini alimentari e lo stile di vita influiscano sullo sviluppo di malattie anche gravi. Si può dimagrire senza dieta, semplicemente cambiando le abitudini alimentari. In particolare il famoso oncologo dice che si deve diffidare dalle proteine e da alcuni prodotti che sono realizzati con le farine bianche e raffinate.

Le proteine e il pane ci fanno ingrassare

Sarebbe l’eccesso di proteine nel nostro regime alimentare quotidiano che aumenterebbe il peso corporeo, secondo numerosi studi scientifici che sono stati realizzati e che vengono confermati dall’oncologo. La dieta a base di proteine farebbe perdere peso più velocemente, ma, non appena si smette di seguire questo regime alimentare, le persone tenderebbero a riprendere i chili che hanno perso. Sarebbe il tipico cosiddetto effetto yo-yo, che può portare a rimettere su anche più chili di quelli che si sono persi.

L’oncologo vuole sottolineare che di per sé non è la pasta a far ingrassare. Il pane, invece, quello bianco, darebbe un contributo fondamentale all’aumento del peso. E’ il ruolo negativo svolto da tutti i prodotti, specialmente quelli industriali, realizzati con farine bianche raffinate. E’ proprio questa conseguenza che causano per esempio i dolci.

Tutti questi cibi farebbero ingrassare rapidamente perché fanno salire la glicemia. Quando nel nostro organismo il livello di zuccheri è alto, il pancreas viene spinto a produrre più insulina e quindi aumenta l’appetito. Questo ci porta inevitabilmente a mangiare di più di quanto dovremmo. Secondo il dottor Berrino, i cibi che ci aiutano a non farci ingrassare sono quelli integrali, i cereali, la frutta, le verdure, i legumi e lo yogurt. Anche la frutta secca è importante.