Salute naturale

Come tonificare i glutei velocemente

Se ti stai chiedendo come tonificare i glutei velocemente, questo è l’articolo che fa per te. Grazie ad alcuni consigli che ti suggeriamo, puoi conoscere le strategie giuste per rafforzare al meglio i muscoli e per smaltire rapidamente i grassi che spesso si accumulano in diverse zone del corpo e che ci danno fastidio. La condizione della zona in questione può essere migliorata grazie ad alcuni esercizi e ad alcuni programmi di allenamento che servono a rassodare, facendo lavorare in particolare i glutei, i fianchi e le cosce.

L’allenamento per tonificare

È interessante notare che alcuni studi scientifici hanno dimostrato come siano importanti alcuni esercizi cardiovascolari per tonificare i glutei. Si tratta di diverse tipologie di attività fisica, che risulterebbero estremamente efficaci per rafforzare i muscoli. Vediamo nello specifico di cosa si tratta:

corsa – la corsa è uno degli esercizi da svolgere con regolarità. Sia che si tratti di jogging o di corsa sul tapis roulant, questo allenamento è utile per rassodare i glutei e per smaltire il grasso in eccesso. Un modo utile per rendere più efficace questo esercizio consiste nel correre in salita o nell’aumentare l’inclinazione del tappeto;
bicicletta – anche questo tipo di esercizio è fondamentale per allenarsi e per rassodare le gambe. È essenziale spingere con forza sui pedali, per ottenere dei buoni risultati. Può essere utile anche utilizzare la cyclette in palestra o a casa;
ellittica – anche l’esercizio fisico che prevede l’utilizzo di questo attrezzo è importante per raggiungere il nostro obiettivo. Durante l’esecuzione di questo esercizio bisognerebbe portare leggermente in fuori i glutei e spingere con i talloni verso il basso.

Rassodare glutei e cosce con i corsi

Per raggiungere l’obiettivo desiderato è possibile anche rivolgersi ad alcuni corsi, dei veri e propri programmi di allenamento che ci permettono di fare attività fisica in maniera mirata:

yoga – esistono anche dei corsi di yoga per principianti, con delle lezioni che hanno una durata di circa 50 minuti. Si possono eseguire alcune posizioni specifiche che hanno l’obiettivo di rafforzare la parte bassa del corpo;
sbarra – sono disponibili anche nel nostro Paese dei corsi da effettuare alla sbarra, una disciplina che prevede l’introduzione di numerosi esercizi, anche per i glutei. Anche se è un allenamento che si ispira alla danza classica, in realtà include ulteriori esercizi, come quelli con i manubri o lo yoga.

Esercizi per sollevare i glutei

Possiamo provare, inoltre, alcuni esercizi utili per rafforzare e tonificare, che si possono effettuare direttamente in casa, senza la necessità di andare in palestra. Sono movimenti semplici, che, se effettuati con regolarità, possono dare delle soddisfazioni:

squat – lo squat è perfetto per tonificare i glutei e in generale la parte bassa del corpo. Mettiti in posizione eretta e divarica i piedi alla larghezza delle spalle. Congiungi le mani in modo che siano parallele al torace. Piega le ginocchia ed abbassati, come se dovessi sederti su una sedia, fino a quando le cosce non saranno parallele al pavimento. Resta per qualche secondo in questa posizione e poi sollevati. Fai 10 ripetizioni. Puoi anche utilizzare dei piccoli manubri, da tenere lungo i fianchi durante l’esecuzione dell’esercizio;
affondi – un altro esercizio ottimo per raggiungere il nostro obiettivo. Mettiti in posizione eretta e divarica i piedi alla larghezza delle spalle. Fai un lungo passo all’indietro con una gamba, piegando il ginocchio. Si dovrebbe creare una linea retta tra il ginocchio anteriore e il piede frontale. Resta in questa posizione per qualche secondo e ritorna alla posizione di partenza. Puoi effettuare 10 ripetizioni, anche tenendo un piccolo manubrio nelle mani;
slanci posteriori – ecco un terzo esercizio utile. In posizione eretta, sostieniti con le mani sulla spalliera di una sedia. Solleva una gamba all’indietro, tenendola dritta, fino a raggiungere l’altezza dei fianchi. Quindi abbassa la gamba e fai 10 ripetizioni. Poi ripeti l’esercizio con l’altra gamba.

Potrebbe piacerti anche