Cosa mangiare a colazione con la gastrite

8
cosa mangiare a colazione con la gastrite

La gastrite è un processo infiammatorio a carico della parete gastrica: può essere acuta se insorge in seguito a un’alimentazione scorretta o all’abuso di medicinali, alcol e fumo, oppure cronica se la causa è da attribuire a un’infezione batterica sostenuta da Helicobacter pylori, o collegata ad altri fattori soggettivi o psicosomatici. Si tratta comunque sempre di un disturbo in cui ciò che mangiamo gioca un ruolo fondamentale nell’alleviare o peggiorare i sintomi, quindi è opportuno prestare particolare attenzione alla dieta.

La colazione è uno dei pasti principali della giornata, motivo per cui chi soffre di gastrite non sa spesso come alimentarsi per garantirsi il giusto apporto di energia e al contempo non appesantire lo stomaco. Vediamo allora qualche consiglio su cosa mangiare a colazione con la gastrite, cosa assumere con moderazione e cosa invece evitare.

Eliminare caffè e tè

Due bevande popolarissime consumate spesso e volentieri di prima mattina sono il caffè e il . Ma la caffeina presente in entrambe aumenta la secrezione di succhi gastrici ed è quindi da evitare per chi soffre di gastrite. Prediligere piuttosto tè verde, camomilla o tisane alla malva, per la loro azione calmante e antispastica, o in alternativa il caffè di cicoria per le sue proprietà digestive e deputanti.

Optare per latte e yogurt vegetali

Anche il latte e lo yogurt stimolano la secrezione di succhi gastrici e sono perciò controindicati in caso di gastrite. Tuttavia, per non rinunciarci del tutto, assumiamoli con moderazione o ricorriamo a una sana alternativa che può essere rappresentata da latte e yogurt vegetali o parzialmente scremati, ma anche dal latte di mandorla.

Preferire le marmellate biologiche al cioccolato

Se si soffre di gastrite, il cioccolato può irritare ulteriormente la mucosa gastrica, quindi è opportuno limitarne l’assunzione o eliminarlo del tutto. Al suo posto, accompagnata da pane o fette biscottate, consumiamo una buona e sana marmellata biologica, priva di zuccheri aggiunti.

Meglio se a base di albicocca, pera o mela, da evitare assolutamente invece quella a base di agrumi, anch’essi irritanti per lo stomaco. Vale lo stesso discorso se scegliamo di fare colazione con della normale frutta.

Evitare i biscotti e le merendine del supermercato

Se proprio non riusciamo a fare a meno di biscotti e merendine a colazione, perché non prepararli noi stessi invece di acquistare quelli già confezionati al supermercato? Facendoli in casa risulterebbero senza dubbio più sani ed eviteremmo al nostro stomaco una buona dose di cibo spazzatura.

Ovviamente la scelta degli ingredienti da adoperare è molto importante: ottima la farina di riso o quella integrale se vogliamo dilettarci nella preparazione di biscotti e torte, e sostituiamo lo zucchero bianco con il più salutare zucchero di canna.

La stessa attenzione deve ovviamente essere riservata anche a tutti gli altri pasti della giornata: sarebbe anzi preferibile fare piccoli ma ravvicinati spuntini per non lasciare lo stomaco vuoto troppo a lungo. La dieta deve comunque rimanere varia ed equilibrata, ed è importante anche masticare lentamente per favorire una migliore digestione.

L’alcol e il fumo sono acerrimi nemici della gastrite, così come le bevande gassate, le fritture, gli insaccati e i cibi in scatola. L’assunzione di determinati medicinali, soprattutto i FANS, deve essere sempre effettuata sotto controllo medico per evitare peggioramenti. Seguendo tutti questi piccoli accorgimenti è possibile gestire al meglio la gastrite e limitarne i fastidiosi sintomi.