Fave: proprietà benefiche, calorie e controindicazioni

6
fave proprietà

Scopriamo le proprietà benefiche e le calorie delle fave, tenendo conto anche delle eventuali controindicazioni di questo cibo. Le fave sono i legumi più leggeri in termini di digeribilità tra quelli più conosciuti. Il loro uso era già noto nell’antichità presso il popolo egiziano ed oggi si trovano in commercio sia fresche, nel periodo tra aprile e maggio, che secche tutto l’anno. Ecco quali sono le proprietà benefiche, le calorie e le controindicazioni.

Fave: proprietà benefiche

Le fave rappresentano un alimento che non dovrebbe mancare mai sulla nostra tavola, perché garantiscono numerosi effetti benefici per la nostra salute. Sono ottime per mantenere il corretto funzionamento del sistema circolatorio e aiutano il processo di depurazione dell’organismo. Vediamo tutte le proprietà di questo alimento:

  • le fave possono concorrere a diminuire eventi nefasti a carico del sistema cardio circolatorio, in quanto abbassano i livelli di colesterolo, e sono indicate anche per chi soffre di diabete, perché riducono quelli degli zuccheri;
  • mangiare fave sia a crude che cotte aiuta la diuresi, abbassa la pressione alta e permette di risolvere il problema della ritenzione idrica. Si possono anche preparare delle zuppe e dei decotti a questo scopo, utilizzando i fiori freschi della pianta.
  • le fave aiutano a depurare l’organismo, favorendo il lavoro sia del fegato che dei reni. Sono anche ricche di vitamina C, utile per chi è anemico o ha problemi di insufficienza respiratoria, in quanto la stessa è utile ad assorbire il ferro, a sua volta essenziale per trasportare l’ossigeno dei globuli rossi.

Fave: proprietà nutritive

Le fave sono ricchissime di sali minerali, vitamine, aminoacidi e acidi grassi. Tra i minerali, oltre al ferro, sono presenti anche calcio, magnesio, fosforo, rame, manganese, zinco, selenio e sodio.

La loro composizione è costituita soprattutto di acqua, quindi si tratta di un legume dietetico, ma povero di proteine, al contrario dei fagioli. Una piccola parte è composta anche da fibre, che aiutano il transito intestinale.

Tra le vitamine presenti se ne possono annoverare diverse tra quelle del gruppo B (B1, B2, B3, B5, B6), oltre alla vitamina C, precedentemente citata. Bisogna sottolineare il contenuto di acido folico delle fave, per cui in 100 grammi è già presente la metà del fabbisogno giornaliero.

È un alimento consigliato alle donne in dolce attesa, in quanto nel primo trimestre di gravidanza contribuisce alla prevenzione di una patologia del feto come la spina bifida.

Questo legume è anche ricco di acidi grassi Omega 3 e Omega 6, che come è noto aiutano a mantenere giovane sia il fisico che la mente. Contiene anche amminoacidi come l’arginina, il triptofano, la fenilalanina, l’acido glutammico e molti altri, che sono alla base di diverse funzioni dell’organismo.

Le calorie contenute in 100 g di fave corrispondono a circa 70 per quelle fresche e a 300 per quelle secche.

Fave: controindicazioni

Le fave sono sconsigliate a chi soffre di favismo, un’allergia alimentare molto pericolosa in quanto può mettere a rischio la vita. Il favismo è causato dalla mancanza di un enzima che impedisce di digerire alcune sostanze delle fave, che diventano prepotentemente nocive. Il favismo è ereditario e può manifestarsi sia nell’infanzia che nell’età adulta.