Gambe gonfie: rimedi veloci, naturali e della nonna

21
gambe gonfie

Contro le gambe gonfie possiamo utilizzare diversi rimedi veloci, naturali e della nonna. Le cause che stanno alla base di questo problema sono molte. Di solito il motivo principale è rappresentato dalla ritenzione idrica, che fa sentire maggiormente i suoi effetti a causa di un cattivo funzionamento del sistema venoso e linfatico. Molte volte influiscono le variazioni ormonali, la sedentarietà e il sovrappeso. Ma anche un’alimentazione non equilibrata, troppo ricca di grassi saturi, fritti e dolciumi, influisce negativamente a livello metabolico, determinando il gonfiore delle gambe. Scopriamo come possiamo rimediare.

Gambe gonfie: rimedi della nonna

Le nostre nonne erano molto attente al benessere naturale del nostro organismo. Mettevano in atto specialmente dei consigli che riguardavano lo stile di vita, predisponendo il corpo ad un ritrovato benessere. Anche noi oggi possiamo fare molto seguendo alcune semplici regole della vita quotidiana.

Sarebbe importante praticare l’esercizio fisico regolare, come le camminate a passo veloce. Bisognerebbe aumentare il consumo di acqua, arrivando almeno a 1,5 litri al giorno. Occorre ridurre il consumo di sale e fare attenzione agli zuccheri e ai fritti.

Ottima è la frutta, da mangiare per intervenire attraverso l’alimentazione contro il gonfiore delle gambe pesanti. Portiamo sulla nostra tavola ananas, ciliegie, mele, pere, fragole e ortaggi come pomodoro e lattuga. Potrebbe rivelarsi fondamentale effettuare dei massaggi con movimenti circolari sulle gambe, per riattivare la circolazione sanguigna.

La fitoterapia

Alcune piante possono rivelarsi importanti per combattere il fenomeno delle gambe gonfie. Utilizziamo in particolare: infuso di foglie di nocciolo, impacchi di tè verde, melassa e semi d’anice.

Gambe gonfie e doloranti: rimedi

Possono essere utili anche altre strategie, che si rivelano importanti soprattutto quando si hanno i piedi gonfi e questo fatto impedisce di indossare le scarpe e camminare a causa del dolore. È bene regolarsi evitando di stare troppe ore in piedi, per non impedire il ritorno venoso.

Non si dovrebbero utilizzare scarpe né troppo basse né troppo alte, in modo che i piedi non rimangano in posizione innaturale. Inoltre possiamo riattivare la circolazione attraverso dei pediluvi, immergendo i piedi prima in acqua fredda e poi, alternandola, in acqua calda.