Ludopatia: come curarla?

314
ludopatia

Questo articolo fornisce informazioni su come curare la ludopatia e come sensibilizzare l’opinione pubblica sulla prevenzione di questa patologia. Inoltre, esplora la Stimolazione Magnetica Transcranica (TMS), una tecnica non invasiva di stimolazione cerebrale che può essere utilizzata per affrontare la dipendenza da gioco d’azzardo. La TMS può essere usata per modificare l’attività dei neuroni che controllano comportamenti impulsivi e motivazione, che spesso sono coinvolti nella dipendenza da gioco d’azzardo, e può ridurre il desiderio compulsivo e l’impulsività.

La ludopatia è un problema sempre più diffuso, come curarla?

La ludopatia rappresenta un fenomeno sempre più diffuso a livello mondiale. Secondo un rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, circa il 2-3% della popolazione mondiale soffre di dipendenza da gioco d’azzardo. Inoltre, uno studio condotto dall’Istituto Superiore di Sanità ha evidenziato che in Italia ci sono circa 800.000 persone in Italia affette da ludopatia. Continuando a leggere scoprirai come Ludopatiaitalia può aiutarti nella cura della ludopatia.

Ludopatia come curarla: le strategie per prevenire e affrontare la dipendenza da gioco d’azzardo

La ludopatia è una malattia che sempre più spesso colpisce individui di tutte le età e di ogni estrazione sociale. La facilità di accesso alle sale giochi, alle scommesse online e ai casinò, insieme all’emozione del gioco e alla possibilità di vincere denaro, può creare dipendenza in alcune persone, portando a un circolo vizioso difficile da interrompere. Tuttavia, esistono varie opzioni affrontare la ludopatia e come curarla.

Le conseguenze negative della ludopatia possono essere gravi, compromettendo la salute mentale e fisica, il lavoro e le relazioni sociali e familiari del paziente. Secondo uno studio condotto dal National Council on Problem Gambling, il 10% dei giocatori patologici ha tentato il suicidio. Inoltre, i giocatori patologici possono accumulare debiti fino a centinaia di migliaia di euro.

È quindi fondamentale sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di prevenire e trattare la ludopatia, al fine di limitare le sue conseguenze negative. Le strategie di prevenzione e di trattamento includono interventi psicologici, farmacologici e terapie di stimolazione magnetica transcranica.

I rischi legati alla dipendenza da gioco d’azzardo

La dipendenza da gioco d’azzardo può portare a conseguenze gravi e pesanti sulla vita del paziente. Innanzitutto, la perdita di lavoro e la rottura delle relazioni familiari e sociali possono avere un impatto devastante sul paziente, causando solitudine e isolamento. Inoltre, l’accumulo di ingenti debiti può portare problemi finanziari e difficoltà nel mantenere un tenore di vita adeguato.

Effetti negativi della ludopatia sulla salute mentale e fisica e come prevenirla e trattarla

La dipendenza dal gioco d’azzardo può causare anche problemi di salute mentale, come ansia, depressione e problemi di autostima, causati dalla pressione psicologica per vincere denaro e dalle alterazioni del funzionamento cerebrale che questo provoca. Il paziente può entrare in un circolo vizioso di frustrazione e disperazione che può avere conseguenze negative sulla sua salute mentale e fisica.

Inoltre, chi soffre di dipendenza dal gioco d’azzardo tende a passare la maggior parte del suo tempo libero giocando, diventando schiavo del gioco e privandosi della possibilità di svolgere attività che normalmente gli piacciono o di trascorrere del tempo con le persone che ama.

La dipendenza dal gioco d’azzardo è una patologia che può portare a conseguenze gravi sulla vita del paziente, influenzando la salute mentale e fisica, i rapporti sociali e la qualità della vita. È importante sensibilizzare sulla questione e promuovere strategie efficaci per prevenirla e trattarla.

La Stimolazione Magnetica Transcranica: cos’è e come funziona

La Stimolazione Magnetica Transcranica (TMS) è una tecnica di stimolazione cerebrale non invasiva che utilizza un campo magnetico per rinvigorire le cellule nervose indebolite dalla pratica del gioco d’azzardo. Un magnete viene applicato sulla superficie del cranio e il campo magnetico viene indirizzato verso le aree cerebrali coinvolte nella dipendenza da gioco d’azzardo, migliorando desiderio e impulsività.

La TMS come trattamento non invasivo per la dipendenza da gioco d’azzardo

Questa tecnica infatti può essere utilizzata per aumentare o diminuire l’attività cerebrale in specifiche regioni del cervello e modificare l’attività dei neuroni che controllano comportamenti impulsivi e motivazione, che sono spesso coinvolti nella dipendenza da gioco d’azzardo.

Durante una seduta di TMS, il paziente viene posizionato su una sedia o su un lettino. Durante l’applicazione, il paziente potrebbe percepire una sensazione di leggero formicolio o di piccole contrazioni muscolari al viso, ma non prova dolore. Inoltre, la TMS non causa sonnolenza o sedazione, il che significa che il paziente può facilmente integrare il trattamento nella sua routine quotidiana senza influire sulla sua attività lavorativa o sociale.

Ludopatia: cura con Stimolazione Magnetica Transcranica

La sensazione di adrenalina e di euforia legata al gioco può provocare alterazioni cerebrali che portano alla comparsa del craving, il desiderio compulsivo di continuare a giocare. La TMS agisce modificando l’attività cerebrale nelle aree coinvolte nella dipendenza, riducendo il desiderio compulsivo e l’impulsività. Uno studio condotto da A. Gay et al. (2017) ha dimostrato che una singola sessione di rTMS ad alta frequenza sopra il DLPFC sinistro può ridurre significativamente il craving in pazienti con ludopatia. La riduzione del craving rappresenta un fattore importante per la riuscita del trattamento. Inoltre, il trattamento con rTMS ha un effetto di lunga durata, riducendo il craving anche a tre mesi dopo il trattamento, con effetti collaterali minimi.

Questi risultati suggeriscono che la TMS può rappresentare una valida opzione di cura per la ludopatia.

Bibliografia:

Gay A, Boutet C, Sigaud T, Kamgoue A, Sevos J, Brunelin J, Massoubre C. Eur Psychiatry. A single session of repetitive transcranial magnetic stimulation of the prefrontal cortex reduces cue-induced craving in patients with gambling disorder. 2017 Mar;41:68-74.