Salute naturale

Olio di cocco bio: dove si compra? Fa male?

La risposta alla domanda dove si compra l’olio di cocco bio può risultare meno difficile del previsto. Di certo l’olio di cocco bio non è reperibile in maniera molto facile presso i supermercati, dove forse è possibile semmai trovare l’olio di cocco alimentare, ma per quello ad uso cosmetico occorre rivolgersi ad altri spazi commerciali. Non è però un’impresa particolarmente ostica. Per comprare l’olio di cocco bio bisogna recarsi presso le erboristerie e le botteghe naturali specializzate oppure il prodotto può essere acquistato direttamente online, come nel caso dell’Olio di Cocco Bio prodotto da La Saponaria.

Per capire invece se l’olio di cocco bio faccia male, occorre innanzitutto chiarire quali sono le caratteristiche del prodotto. L’olio di cocco bio è un olio vegetale che si ottiene a partire dalla polpa essiccata della noce di cocco, frutto delle palme tropicali. Si tratta di un elemento ricco di antiossidanti, grassi e sostanze nutritive. Il suo utilizzo è principalmente nel campo della cosmesi.

L’olio di cocco bio infatti è un emolliente nutritivo dagli ottimi benefici sia se applicato sulla pelle, dove rivela un importante effetto antinvecchiamento, che, in piccole quantità, applicato sui capelli. Questi ultimi, con l’olio di cocco bio assumono vigore e lucentezza. I capelli ispidi risultano più idratati e morbidi, i capelli dall’aspetto sfibrato e crespi acquisiscono un aspetto più liscio e curato.

L’olio di cocco bio risulta contenere gli acidi grassi saturi e qui nasce la controversia se l’olio di cocco faccia male o meno. Non si tratta degli stessi acidi grassi saturi di origine animale dannosi per l’organismo in quanto legati direttamente al colesterolo. Gli acidi grassi saturi dell’olio di cocco sono trigliceridi a catena media e non a catena lunga, come quelli animali, quindi vengono metabolizzati in maniera differente.

Occorre precisare comunque che l’olio di cocco è ancora sul banco degli imputati, diversi sono i nutrizionisti che continuano ad analizzarlo per schierarsi come contrari all’uso dell’olio di cocco a fini alimentari, proprio in virtù delle sue componenti. Per quanto riguarda l’uso cosmetico invece non ci sono particolari controindicazioni.

Potrebbe piacerti anche