Olio essenziale di timo: proprietà, usi e controindicazioni

37
olio essenziale di timo

L’olio essenziale di timo ha molteplici proprietà; alcuni tra i suoi più frequenti usi e controindicazioni varie verranno spiegati qui di seguito. Ricordiamo che questa potente essenza si ricava naturalmente dalla pianta di timo, un’erba aromatica che ha origini nel Mediterraneo Occidentale. Una pianta dalle foglie piuttosto piccole, ma con un enorme potenziale, dal colore grigio tendente al verde. Queste particolari foglie solitamente sono allungate e ricoperte da una fattispecie di piccola peluria.

Proprietà benefiche del timo

Utilizzato anche per alcune sedute di aromaterapia, il timo nasconde diverse aspetti benefici. Ricordiamo che, come d’altronde per molte altre piante aromatiche, è bene non esagerare ed utilizzare questi potenti oli nei giusti quantitativi.

Per chiunque soffra frequentemente di infiammazioni a polmoni e bronchi, un piccolo quantitativo di olio essenziale di timo aiuta a sciogliere il catarro dai bronchi liberando le vie respiratorie. Solitamente in questo frangente abbiamo un prodotto sviluppato sotto forma di crema o vero e proprio olio essenziale.

Un olio di questo tipo viene consigliato contro stati di raffreddore o influenza, ma anche per persone che soffrono di asma o di frequenti emicranie. Spalmando dell’olio di timo si riuscirà a contrasta l’asma e la tosse, ma anche liberare i bronchi da fastidiosi stati influenzali. Si potrà alleviare il dolore provocato dal mal di testa; per chiunque ne soffra in maniera frequente l’utilizzo di questa piantina aromatica potrebbe risultare un toccasana rispetto al classico uso di farmaci.

All’interno del vasto panorama di oli essenziali esistenti in natura, l’olio ricavato dal timo viene anche indicato nel trattamento della candida. In questo caso si dimostra efficace per una corretta depurazione e contribuisce ad eliminare alcune forme di funghi. Con il corretto dosaggio è inoltre un buon disinfettante e anche un antisettico. Alcuni preferiscono spargere alcune gocce di timo negli ambienti di casa per rinfrescare le stanze da possibili agenti batterici.

Altro utilizzo piuttosto comune riguarda gli stati di artrosi e i reumatismi. Questo particolare olio sembra infatti in grado di alleviare alcune tipologie di dolori che solitamente artrosi e reumatismi provocano. Con la giusta tecnica di massaggio e affidandosi ad un professionista, si potranno avere dei buoni miglioramenti.

Timo a livello cosmetico

Capelli grassi e pelli stanchi avranno vita breve grazie alle proprietà nascoste dell’olio essenziale a base di timo. Proprio nei periodi invernali viene consigliato per i classici malanni di stagione. Dai tipici indebolimenti per cambi stagionali alle malattie influenzali per raffreddamento, cospargersi dell’olio di timo è un buon rimedio naturale. Coltivando una piccola piantina in casa si potrà sfruttare in ogni momento della giornata il potere di una farmacia sempre a portata di mano.

Solitamente il timo viene ricordato perché spesso se ne sfruttano i potenti profumi per una buona cucina. Una curiosità vuole che il timo venisse usato anticamente in Grecia per realizzare un prelibato miele, considerato una vera e propria leccornia. Per gli antichi romani invece era ritenuto un simbolo di coraggio e vigore; i soldati infatti erano soliti lavarsi con acqua e timo prima di ogni battaglia.

Controindicazioni dell’olio essenziale di timo

Innanzitutto è bene sempre ricordare che un abuso in generale di molti prodotti, anche se naturali, non è mai il corretto modo per approcciarsi alle cose e tantomeno all’erboristeria naturale. I sovradosaggi di quest’olio possono provocare infatti in alcuni soggetti piccole irritazioni verso cute e mucose. Durante la gravidanza e anche nei successivi stati relativi all’allattamento è consigliato non utilizzare questa potente erba aromatica. Inoltre non va assunto puro.