Tisane brucia grassi fatte in casa per smaltire fino a due taglie

7
tisane brucia grassi fatte in casa

Le tisane brucia grassi fatte in casa rappresentano un ottimo modo per contrastare il fastidioso gonfiore che caratterizza a volte i fianchi. Spesso non sai proprio a che cosa può essere dovuto, perché i motivi alla base dei fianchi ingrossati possono essere tanti. A volte si potrebbe trattare di un eccessivo consumo di cibi calorici, altre volte il gonfiore può derivare da uno squilibrio del fegato, che si trova impossibilitato a gestire gli alimenti nel modo corretto, aumentando le scorie pericolose e accumulandole proprio nei fianchi. Inoltre si potrebbe trattare di un funzionamento non proprio corretto dei reni, che certe volte non smaltiscono a sufficienza le tossine e causano un rallentamento della circolazione.

Per questo è importante affidarsi a dei rimedi naturali, utili per trovare una soluzione rapida ed efficiente. Un esempio è rappresentato proprio dalle tre tisane che ti proponiamo, dei metodi rapidi per mettere da parte questi piccoli problemi e snellire i fianchi, perdendo qualche taglia. Naturalmente ricordati che l’assunzione di queste tisane, per un’efficace azione, dovrebbe essere portata avanti per almeno una settimana e dovrebbe essere accompagnata anche da una corretta alimentazione, da uno stile di vita equilibrato e da un’adeguata attività fisica.

Tisana brucia grassi all’ortosiphon

Anche se forse poco conosciuto, questo rimedio naturale è ottimo per contrastare il senso di gonfiore e quella pesantezza che a volte proviamo. Si tratta di un miscuglio di foglie e di steli di piante appartenenti proprio al genere ortosiphon, che risulta molto utile contro l’accumulo delle tossine e per favorire la depurazione dei reni e del fegato.

Si può assumere sotto forma di infuso, ma è consigliato l’uso anche come estratto secco (sinensetina 0.3%, da assumere nella quantità di 150 ml suddivisi tre volte al giorno lontano dai pasti) o come compresse. Non dovrebbe essere assunto, però, in gravidanza e nel periodo dell’allattamento, a causa delle sue controindicazioni. Non dovrebbero ricorrere a questo rimedio, inoltre, coloro che soffrono di insufficienza renale o di insufficienza cardiaca. Inoltre è consigliato assumere molta acqua, perché ha un effetto diuretico molto evidente.

Tisana brucia grassi al tarassaco

Il tarassaco è un prodotto utile soprattutto nelle giornate in cui abbiamo esagerato un po’ con le calorie assunte. Si tratta di un rimedio che contrasta il gonfiore e che ha dei buoni effetti diuretici, perché favorisce la corretta funzionalità del fegato e aiuta la digestione. Inoltre agisce anche con una leggera azione lassativa e permette di controllare i livelli di colesterolo e di trigliceridi nel sangue.

La tisana può essere preparata facendo bollire un cucchiaio di radici di questa erba in 250 ml di acqua per circa 10 minuti. Il tarassaco, però, va evitato se si soffre di ulcera gastrica e duodenale o in presenza di calcoli alle vie biliari.

Tisana brucia grassi al gallio

Anche il gallio, chiamato anche caglio asprello, è utile per combattere il senso di gonfiore ai fianchi. Può essere assunto come estratto secco liofilizzato (200 mg) oppure sotto forma di infuso, che si ottiene con un cucchiaino di parti aeree essiccate in una tazza di acqua. E’ una pianta ottima per la nostra salute, perché ha spiccati effetti antinfiammatori, depurativi, diuretici e capaci di stimolare il sistema linfatico. Grazie all’assunzione del gallio, possiamo aumentare l’escrezione di acqua, determinando un corretto drenaggio delle scorie e attivando il drenaggio linfatico. Permette anche di agire sul fegato, con una leggera azione disintossicante.