Ossessioni Omosessuali o DOC omosex? Intervista al Dott. Colamonico

248
ossessioni
Paul Garaizar / Unsplash

Paura di essere gay, pensieri e ossessioni omosessuali, disturbo ossessivo compulsivo omosessuale. Ne parliamo con il Dott. Colamonico, Psicologo a Torino e fondatore di Studio Colamonico.

Durante l’adolescenza e nella prima parte della vita adulta è spesso possibile vivere delle ossessioni omosessuali, dubbi sulla propria sessualità o paura di essere gay. Questi pensieri omosessuali ricorrenti diventano in molti casi pensieri intrusivi che rischiano di minare la serenità della persona e di comprometterne la quotidianità.

Quella che può essere definita paura di scoprirsi omosessuali non è però una semplice fissa o mania, ma un vero e proprio disturbo psicologico chiamato DOC Omosex o DOC Omosessuale.

Affrontiamo l’argomento con il Dott. Damiano Colamonico, fondatore dello Studio Colamonico, Psicologo a Torino esperto in trattamento cognitivo comportamentale e uno dei primi in Italia ad approfondire gli studi e le terapie per il DOC omosex.

Paura di essere gay o di diventare gay

Internet è piena di forum dove ragazzi e ragazze e giovani adulti manifestano la propria paura di diventare gay o di essere gay. Nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di ossessioni omosessuali che si tramutano nella paura di essere omosessuale. Esistono poi casi di giovani che realmente sono gay o lesbiche che vivono la paura di essere gay per il timore di non essere accettati dal proprio nucleo famigliare o dal contesto sociale in cui si trovano, ma non è questo il caso di cui tratteremo oggi in questo articolo.

Il Dott. Colamonico ci spiega inoltre che spesso questo genere di pensieri vengono definiti erroneamente omosessualità latente  o omosessualità repressa. Non sono tali poiché l’ansia provocata da questi pensieri e figure è un vero e proprio disturbo ossessivo compulsivo, ma di tipo omosessuale (da qui il nome DOC omosex).

Adolescenti e giovani adulti eterosessuali che però vivono queste ossessioni sul proprio orientamento temono di scoprirsi gay o lesbiche, fanno sogni omosessuali e hanno paura che le proprie tendenze sessuali siano da rimettere totalmente in discussione. Queste “ossessioni omosessuali” si trasformano facilmente in immagini ricorrenti, pensieri indesiderati e persino impulsi fisici di cui non si crede di avere il controllo.

Doc Omosex

Immaginate quanto possa essere difficile per una persona che non sa di essere affetta da DOC omosex – o DOC omosessuale – ritrovarsi da un giorno all’altro con questa ossessione omossessuale. L’ansia aumenta nell’individuo e le ossessioni si trasformano in pensieri catastrofici e si è convinti di dover rimettere in discussione tutta la propria vita a partire dal proprio orientamento sessuale ed eventualmente la relazione che si sta vivendo.

Per ridurre queste ansie provocate dalla paura di essere gay e dai pensieri ossessivi omosessuali si inizia a mettere in atto strategie di evitamento e compulsioni. Sono proprio le compulsioni a rendere questo un disturbo cognitivo comportamentale (DOC).

Il Dott. Colamonico dello Studio Colamonico ci racconta che molti pazienti raccontano di sostenere quotidianamente continui test di diversi generi per valutare la propria sessualità e contrastare le proprie ossessioni omosessuali.

Doc omosessuale sintomi

I sintomi del DOC omosessuale sono costituiti dalle compulsioni che l’individuo attua per sviare i pensieri ossessivi omosessuali. Ecco alcuni dei sintomi del DOC omosex più comuni:

  • Controllo del proprio corpo alla ricerca di segnali fisici che comprovino l’omosessualità (eccitazione fisica)
  • Estremizzazione del comportamento e dei caratteri eterosessuali (camminare in maniera molto mascolina o femminina, parlare solo di argomenti fortemente caratterizzanti per genere…)
  • Evitare il contatto e relazioni con persone realmente omosessuali
  • Evitare film, immagini e libri con protagonisti omosessuali
  • Evitare di rimanere soli con persone dello stesso sesso

DOC Omosessuale: Come uscirne? Terapia cognitivo comportamentale

La terapia cognitivo comportamentale è l’approccio psicoterapico riconosciuto come il migliore per la cura del DOC omosex.

Dopo la valutazione del disturbo, il trattamento comprende una fase di psico-educazione dove al paziente viene insegnato il funzionamento del nostro cervello e la relazione con i pensieri. Dopo di che si passa all’apprendimento di tecniche di rilassamento, respirazione diaframmatica e motivazionali. In alcuni casi è necessario ricorrere all’ipnosi. Questi diventano veri e propri strumenti per affrontare l’ossessione di essere gay e trovare una cura al doc omosex.