Salute naturale

Quanto bisogna correre per dimagrire

Se vuoi sapere quanto bisogna correre per dimagrire, tieni presenti i nostri consigli, che ti permettono di perdere peso dedicando il tempo adeguato all'allenamento quotidiano e all'esercizio aerobico.

Praticare una regolare attività fisica fa sempre bene se vogliamo mantenerci in forma e in buona salute, e con attività fisica si intende qualsiasi cosa: dallo sport più impegnativo alla semplice corsa. Quest’ultima è sicuramente l’opzione più economica e la più accessibile, soprattutto per chi vuole provare a perdere qualche chilo senza dover spender grosse cifre. Al contrario, uno stile di vita sedentario è del tutto deleterio per il nostro benessere, e può fare insorgere con il tempo problemi di sovrappeso, spesso causando malattie cardiache e cardiovascolari. Ovviamente l’allenamento quotidiano deve essere associato a una dieta adeguata e salutare. Scopriamo dunque tutti gli effetti positivi della corsa, quanto e come bisogna correre per dimagrire!

Come gestire la corsa

Prima di un qualsiasi allenamento, e quindi anche prima di una semplice corsa, è consigliabile eseguire sempre qualche esercizio di stretching per riscaldare la muscolatura. Il tutto per almeno una decina di minuti, compresa una camminata a passo sostenuto prima della vera e propria corsa. Sono regole importanti soprattutto per chi non è abituato, chi ha appena iniziato e non deve stancarsi troppo. Proseguire così per alcune settimane o mesi, dando tempo al corpo di abituarsi al ritmo. Dopodiché, man mano, aumentare la velocità, ma senza esagerare e tenendo sempre sotto controllo il proprio battito cardiaco: non bisogna mai superare l’80% della propria massima frequenza cardiaca.

Quanto bisogna correre

Bisogna valutare soggettivamente i tempi giusti di una corsa, in base al proprio grado di allenamento e alla propria fisicità. Di solito è opportuno correre per almeno 20 – 30 minuti a velocità medio alta, fino ad arrivare gradualmente a un massimo di un’ora – un’ora e mezza.

L’ideale per accelerare il metabolismo sarebbe correre a digiuno o comunque lontano dai pasti, perché in questo modo l’organismo è costretto ad attingere dalla riserve non avendone immediatamente a disposizione, aiutandoci così a dimagrire. Quindi la mattina presto o il tardo pomeriggio sono i momenti della giornata più indicati.

L’obbiettivo della corsa è bruciare più calorie di quante se ne consumano. Nel momento in cui si inizia ad avvertire la stanchezza e si va in affanno è però meglio fermarsi e bere un po’ d’acqua: non sottovalutiamo mai l’importanza di una buona idratazione e di un’alimentazione sana ed equilibrata, senza la quale la sola corsa non sortirebbe grandi risultati. Anche dormire bene è importante.

Per i primi tempi può essere necessario far passare almeno 2 o 3 giorni tra una corsa e l’altra, senza affaticarsi ogni giorno.

Non bisogna infatti strafare nell’illusione di perdere peso più velocemente o di ottenere subito risultati miracolosi, bensì approcciarsi alla corsa con consapevolezza, anche se è un’attività alla portata di tutti. Farsi consigliare da un medico può essere la soluzione migliore, soprattutto se i chili da perdere sono un bel po’.

In linea di massima, si perdono 4 calorie al minuto ogni 50 Kg di peso. Può essere utile stabilire un obiettivo mensile da raggiungere, al fine di organizzarsi nel modo migliore e nel rispetto dei propri limiti.

Per rendere più piacevole la corsa ci si può anche munire di cuffiette e ascoltare buona musica, o condividere l’allenamento con altre persone: può essere infatti un’ottima occasione per fare nuove conoscenze, unendo l’utile al dilettevole.

La costanza premia sempre: se davvero si vuole dimagrire, basta impegnarsi e non scoraggiarsi se ci sarà bisogno di più tempo per ottenere gli effetti sperati.

Potrebbe piacerti anche