Salute naturale

Attacchi di panico: rimedi, come guarire senza farmaci

Per gli attacchi di panico possono essere utili alcuni rimedi. Ma come guarire senza farmaci? Capita che, in presenza di panico accentuato, che sfocia in delle vere e proprie crisi, ci si rivolga ad uno specialista, che indirizza verso l’uso di alcuni farmaci ansiolitici. Di solito l’approccio farmacologico, insieme a quello psicoterapeutico, è raccomandabile per chi è affetto da questo problema. Non bisogna certo sottovalutare il ruolo che questo tipo di cura ha. Tuttavia alcuni suggerimenti si possono rivelare importanti per alleviare il disturbo.

Attacchi di panico: sintomi

Gli attacchi di panico si manifestano con sintomi specifici, che riguardano anche il lato fisico. In preda ad un attacco di panico possiamo avere polso accelerato, sudorazione eccessiva, dolore al petto o dolore allo stomaco, difficoltà respiratorie.

Inoltre possiamo essere interessati da una sensazione di formicolio alle mani, da una sensazione di caldo o di brividi di ferro e da un senso di debolezza. Spesso il paziente in preda a queste condizioni pensa di perdere il controllo di se stesso, di avere un attacco di cuore o di essere ormai vicino alla morte.

Perché vengono gli attacchi di panico? Le cause

Non è possibile individuare con precisione la causa degli attacchi di panico. A volte sono dovuti ad eventi traumatici e, in questi casi, il trattamento di predilezione è certamente rappresentato dalla psicoterapia. Altre volte, invece, sono dovuti a schemi di comportamento che provocano una sorta di eccesso di energia intrappolata nella nostra psiche.

La nostra vita quotidiana è fatta di stress, di impegni, di compromessi, di maschere che spesso indossiamo per far piacere agli altri. Finiamo con il perdere l’autenticità e l’unicità della nostra personalità. Il nucleo più profondo del nostro essere si ribella a tutto ciò, mandandoci una specie di messaggio proprio attraverso il panico. Quest’ultimo può essere considerato un’energia vitale che cerca di esplodere, in forma non armonizzata e destabilizzante per l’individuo.

Come curare gli attacchi di panico e l’ansia

Prova a dare più spazio a te stesso, lasciando maggiori opportunità di espressione alla tua creatività. Sii originale, mostrando a te stesso che puoi mettere il tuo tocco in ogni cosa che fai durante la tua vita quotidiana. Porta avanti con interesse le tue passioni, mostrando un’azione protratta nel tempo, capace di ricaricarti in maniera essenziale.

Lascia maggiore spazio alle tue emozioni, all’erotismo e ai sentimenti, cercando di instaurare rapporti di condivisione veri con l’altro e con il tuo partner in particolare. Dedicati con regolarità all’attività fisica, che può aiutare non soltanto come forma di movimento, ma anche come attività che aiuta a ristabilire l’armonia con te stesso attraverso la riscoperta di un’immagine corporea differente.

Rimedi per attacchi di panico

Un modo per curare gli attacchi di panico senza fare ricorso ai farmaci è quello di rivolgersi alla psicoterapia. In particolare può essere utile seguire la cosiddetta psicoterapia cognitivo-comportamentale.

Questo tipo di psicoterapia è strutturato in 5 parti. Nella prima fase si impara cos’è un attacco di panico, quali sono i sintomi e quali sono le possibili cure che possono aiutare. Nella seconda fase si inizia a monitorare e cominciamo a fare attenzione in quali situazioni si presentano i sintomi e in quali ambienti in particolare.

La terza parte della psicoterapia per gli attacchi di panico è rappresentata da esercizi di respirazione, che aiutano a prepararsi ad affrontare meglio gli attacchi per sapere cosa fare in loro presenza.

Poi subentra la fase della riflessione e in questo caso è fondamentale l’aiuto dello psicoterapeuta, che permette di guardare in maniera realistica come avvengono gli attacchi. L’ultima parte consiste nell’esporsi, nell’imparare gradualmente ad affrontare delle situazioni che potrebbero generare panico.

L’obiettivo fondamentale della psicoterapia è quello di cambiare il modo di vedere del soggetto coinvolto nel disturbo. Nello specifico si impara un modo nuovo di vedere gli attacchi di panico. Si riflette attentamente su come avvengono, per riuscire a comprendere che non sono pericolosi, in modo da evitare di cadere nella paura della paura.

Tutto questo percorso può aiutare ad affrontare meglio le situazioni in cui possiamo essere esposti al panico. In particolare le tecniche di respirazione si rivelano molto importanti. Bisognerebbe fare pratica di respirazione diaframmatica. Sdraiati supini, tenendo dei cuscini sotto le ginocchia e sotto la testa, mettiamo una mano sullo stomaco e l’altra sul petto. Inspiriamo lentamente e poi rilasciamo l’aria contraendo i muscoli dello stomaco.

Quando ci ritroviamo a fare esperienza di un attacco di panico, non restiamo da spettatori nei confronti dei sintomi anche fisici che possiamo provare, ma impariamo ad affrontare tutto con consapevolezza.

Anche l’aiuto di chi ci sta intorno dovrebbe essere rilevante: bisognerebbe incoraggiare la persona in preda all’attacco di panico a superare l’esperienza, restando calmi e ricordando che andrà tutto bene. Nel frattempo il paziente che sperimenta la sensazione di panico dovrebbe riuscire ad accettare mentalmente la situazione, evitando che peggiori.

Rimedi naturali ansia e attacchi di panico

Alcuni rimedi naturali ci possono aiutare a difenderci con più forza dagli attacchi di panico:

  • magnesio – a volte l’ansia può essere accentuata da una carenza di magnesio. Ecco perché è importante introdurre nella nostra dieta alcuni cibi che contengono questo sale minerale. Si tratta di verdure a foglia verde, semi di zucca, frutta secca, cioccolato, legumi e cereali integrali;
  • olio essenziale di camomilla – spruzziamo su un fazzoletto qualche goccia di olio essenziale di camomilla o di lavanda, che hanno effetti calmanti. Nel momento dell’attacco di panico annusiamo profondamente questi odori. Gli oli essenziali si possono diffondere anche nell’ambiente attraverso un diffusore;
  • preparazioni erboristiche – in erboristeria è facile trovare dei prodotti a base di piante ed erbe con proprietà rilassanti, che possono essere utilizzate al momento del bisogno oppure nei periodi in cui si vivono forti stress. Si tratta di piante come passiflora, melissa, valeriana, tiglio, biancospino e camomilla, disponibili anche in gocce;
  • fiori di Bach – nel momento in cui si cade in una crisi di panico, alcuni fiori di Bach possono essere utili per contrastare il terrore che prende il sopravvento. Possiamo utilizzare ad esempio il Rock Rose, l’Aspen o il Cherry Plum. Possono essere presi sotto forma di gocce, mettendone 3 o 4 sotto la lingua.
Potrebbe piacerti anche