Studiare scienze della nutrizione: la laurea del “benessere”

158
scienze della nutrizione

Mangiare sano, ecco il focus del nuovo millennio. Cibi biologici, cibi salutari, super food, sono tutti funzionali al nostro benessere, alla salute del nostro organismo che – spesso poi – si riflette nel nostro aspetto esteriore. Se ci alimentiamo correttamente, se dormiamo bene, se ci idratiamo il corpo non potrà che ringraziarci.

Non dimentichiamoci poi che una corretta nutrizione aiuta ad allontanare il pericolo di gravi patologie come posso essere il diabete, il cancro e le malattie cardiache che sono purtroppo tra i mali del secolo. Ecco perché alimentazione, linea e benessere sono tre concetti che vanno di pari passo; oramai da anni l’attenzione alla linea e alla nutrizione sono di prioritaria importanza e vengono trattati con un approccio scientifico anche grazie all’istituzione di lauree come quella in Scienze della Nutrizione che trova molti sbocchi professionali sia nel pubblico che nel privato (con la libera professione).

Un laureato in scienze della nutrizione può lavorare nell’agro – alimentare, nel settore farmaceutico ma può, perché no, dedicarsi anche all’insegnamento; un nutrizionista, ad oggi, può lavorare anche in palestre, in studi medici e non dimentichiamoci dei centri termali.

Per svolgere la professione di nutrizionista bisogna preventivamente essersi iscritti all’ordine professionale dei Biologi (questo avviene dopo aver superato l’esame di Stato); questo professionista sicuramente non potrà prescrivere farmaci e stilare diete per soggetti affetti da una qualche patologia ma sarà sua facoltà prescrivere diete per persone prive di patologie specifiche e seguire il percorso alimentare dei suoi pazienti, magari consigliando integratori utili al raggiungimento dell’obiettivo prefissato che – sia che si tratti di dimagrimento che di un nuovo regime alimentare funzionale allo sport o a uno specifico stile di vita – sicuramente punterà al raggiungimento del benessere della persona.

Quali sono le università tra cui scegliere per laurearsi in Scienze della Nutrizione? sono diverse, sia frontali che telematiche (ricordando che queste ultime sono 11, sono presenti con varie sedi in tutta Italia e sono riconosciute dal Miur, nel senso che i diplomi di laurea sono di identico valore legale rispetto a quelli delle Università tradizionali).

Anche in considerazione dei tempi dove gli assembramenti sono ancora problematici, scegliere di prendere una laurea in nutrizione studiando online può essere un’opzione.

Tra le facoltà (triennali o magistrali) che hanno all’interno corsi di laurea in Scienze della Nutrizione ricordiamo prima di tutto Biologia ma anche Medicina e Chirurgia, Agraria, Biotecnologie e Farmacia, facoltà presenti non solo nelle maggiori città italiane come Roma e Milano ma anche in altri poli universitari come quelli di Urbino e Parma.

 Se invece cerchiamo tra le università telematiche, lauree come scienze biologiche, nutraceutica, nutrizione e scienze dell’alimentazione e gastronomia offrono un percorso formativo orientato proprio alla nutrizione e non solo, essendo facoltà senza test di ingresso permettono di bypassare quello che invece risulta obbligatorio nelle facoltà delle università tradizionali.

Come si legge su Wikipedia “La scienza della nutrizione o trofologia è una scienza naturale, idealmente collocata tra medicina e biochimica. Cerca, con metodi scientifici, di capire i processi della nutrizione, da quelli digestivi a quelli metabolici, prevalentemente dell’essere umano.”

Le materie di studio che possiamo infatti trovare in questa laurea sono di vario genere e abbracciano molti ambiti delle scienze umane: alcune sono prettamente legate all’aspetto biologico del corso di studi (tra queste biologia molecolare, biochimica e metabolismo dei nutrienti, chimica farmaceutica) altre invece puntano più sull’aspetto prettamente “nutrizionale” dello stesso come – appunto – nutrizione umana o bioetica della nutrizione.

Sicuramente si tratta di un ambito di studio molto affascinante, attuale e con vari sbocchi lavorativi. Non è però facile stabilire quali possano essere i guadagni di un laureato in scienze della nutrizione in quanto – come abbiamo poc’anzi visto – sono così tante le possibilità (sia nell’ambito pubblico che in quello privato) da non permetterci di stabilire una precisa forchetta di guadagno.